Zucca e il suo “Malomodo”

Zucca

Sonorità elettroniche particolari che si alternano tra un macabro dark e suoni oscillanti, fulgide ispirazioni e passaggi sperimentali compongono i brani di “Malomodo”, l’album di Zucca, cantautore decisamente visionario lucano classe 1986.


Questo artista non si limita a comporre e arrangiare i suoi brani ma ne cura anche la realizzazione dei videoclip.
Tra i brani ascoltati, oltre al singolo “Attendo l’apocalisse”, ci ha colpito molto “Oblio”.
Suoni di sintetizzatori che si miscelano tra loro, entrando a far parte sin da subito del
Set ritmico basso-gran cassa, raccontando in una sorta di sussurro cantato d’atmosfera, una sorta di risveglio dopo un viaggio metafisico. La narrazione di un malessere esistenziale, un viaggio dentro se stessi, il coraggio di affrontare i propri demoni tramite lo strumento più efficace che un artista possiede: l’oblio per l’appunto.

Per visitare la pagina Facebook di Zucca:

https://www.facebook.com/pg/zucca.biz/photos/?ref=page_internal

Precedente Un Disco mostruoso: I Discomostro e il loro Mostrofonia Successivo In anteprima assoluta: Il nuovo album del Sud Sound System