Precedente IL PIENISSIMO VUOTO DEGLI “ENJOY THE VOID” Successivo ROBBE’, SUL SOLCO DEL CANTAUTORATO E DEL FOLK